NBA Magazine Italia ® | Il grande spettacolo dell'NBA

Vendor: LPI Exam Code: 101-400 & Exam Name: LPI Level 1 Exam 101, Junior Level Linux Certification, Part 1 of 2 Version: DemoDEMO

QUESTION 1 What can the Logical Volume Manager (LVM) be used for? (Choose THREE correct answers.) A. To create RAID 9 arrays. B. To dynamically change the size of logical volumes. C. To encrypt logical volumes. D. To create snapshots. E. To dynamically create or delete logical volumes. Correct Answer: BDE

QUESTION 2 Which of the following environment https://www.pass4itsure.com/300-101.html variables overrides or extends the list of directories holding shared libraries? A. LD_LOAD_PATH B. LD_LIB_PATH C. LD_LIBRARY_PATH D. LD_SHARE_PATH E. LD_RUN_PATH Correct Answer: C

QUESTION 3 In Bash, inserting 1>&2 after a command redirects A. standard error to standard input. B. standard input to standard error. C. standard output to standard error. D. standard error to standard output. E. standard output to standard input. Correct Answer: C

QUESTION 4 Which of the following commands kills the process with the PID 123 but allows the process to "clean up" before exiting? A. kill -PIPE 123 B. kill -KILL 123 C. kill -STOP 123 D. kill -TERM 123 Correct Answer: D

QUESTION 5 Which of the following characters can be combined with a separator string in order to read from the current input source until the separator string, which is on a separate line and without any trailing spaces, is reached? A. << B. <| C. !< D. &

QUESTION 6 What is the effect of the egrep command when the -v option is used? A. It enables color to highlight matching parts. B. It only outputs non-matching lines. C. It shows the command's version information. D. It changes the output order showing the   last matching line first. Correct Answer: B

QUESTION 7 Which grep command will print only the lines that do not end with a / in the file foo? A. grep '/$' foo B. grep '/#' foo C. grep -v '/$' foo D. grep -v '/#' foo Correct Answer: C

QUESTION 8 Which of the following shell redirections will write standard output and standard error output to a file named filename? A. 2>&1 >filename B. >filename 2>&1 C. 1>&2>filename D. >>filename E. 1&2>filename Correct Answer: B

QUESTION 9 Which of the following commands will print the https://www.ciscodemoguide.com/ last 10 lines of a text file to the standard output? A. cat -n 10 filename B. dump -n 10 filename C. head -n 10 filename D. tail -n 10 filename Correct Answer: D

QUESTION 10 Which of the following commands prints all files and directories within the /tmp directory or its subdirectories which are also owned by the user root? (Choose TWO correct answers.) A. find /tmp -uid root -print B. find -path /tmp -uid root C. find /tmp -user root -print D. find /tmp -user root E. find -path /tmp -user root print Correct Answer: CD

QUESTION 11 After moving data to a new filesystem, how can the former path of the data be kept intact in order to avoid reconfiguration of existing applications? (Choose TWO correct answers.) A. By creating an ACL redirection from the old to the new path of the data. B. By creating a hard link from the old to the new path of the data. C. By creating a symbolic link from the old to the new path of the data. D. By running the command touch on the old path. E. By mounting the new filesystem on the original path of the data. Correct Answer: CE

QUESTION 12 Which of the following settings for umask ensures that new files have the default permissions -rw-r----- ? A. 0017 B. 0640 C. 0038 D. 0027 Correct Answer: D

QUESTION 13 Which of the following commands changes the number of days before the ext3 filesystem on /dev/sda1 has to run through a full filesystem https://www.braindump4it.com check while booting? A. tune2fs -d 200 /dev/sda1 B. tune2fs -c 200 /dev/sda1 C. tune2fs -i 200 /dev/sda1 D. tune2fs -n 200 /dev/sda1 E. tune2fs --days 200 /dev/sda1 Correct Answer: C

QUESTION 14 Which of the following commands creates an ext3 filesystem on /dev/sdb1? (Choose TWO correct answers.) A. /sbin/mke2fs -j /dev/sdb1 B. /sbin/mkfs -t ext3 /dev/sdb1 C. /sbin/mkfs -c ext3 /dev/sdb1 D. /sbin/mke3fs -j /dev/sdb1 Correct Answer: AB

QUESTION 15 What is the purpose of the Filesystem Hierarchy Standard? A. It is a security model used to ensure files are organized according to their permissions and accessibility. B. It provides unified tools to create, maintain and manage multiple filesystems in a common way. C. It defines a common internal structure of inodes for all compliant filesystems. D. It is a distribution neutral description of locations of files and directories. Correct Answer: D

QUESTION 16 Which of the following commands can be used to display the inode number of a given file?A. inode B. ls C. ln D. cp Correct Answer: B

QUESTION 17 Which file in the proc filesystem lists parameters passed from the bootloader to the kernel? (Specify the file name only without any path.) Correct Answer: cmdline

QUESTION 18 Which option to the yum command will update the entire system? (Specify ONLY the option name without any additional parameters.) Correct Answer: update

QUESTION 19 Which command displays a list of all background tasks running in the current shell? (Specify ONLY the command without any path or parameters.) Correct Answer: jobs

QUESTION 20 Which umask value will result in the 210-250 dumps default access permissions of 600 (rw-------) for files and 700 (rwx------) for directories? (Specify only the numerical umask value.) Correct Answer: 0077

Pdf - No.1 MCSA 070-462 Exam Code - Franz-Peter ... 210-060 70-243 300-101 CCNP Routing and Switching ROUTE300-101Implementing Cisco IP Routing 300-320 itexamcoursesWe want to make purchasing Windows/Ofice Product Keys as easy and convenient as possible. http://www.productkeysale.com cheap windows 10 key http://www.productkeysale.com http://www.mmkey.net cheap windows 10 key
NCAA

Piccola guida alla polverizzazione del college basket

Qualche tempo fa, remedy si è analizzata la situazione del college basket. Il suo stato di salute, i pro, i contro. Il motivo era capire se il college basket avesse ancora senso. Se non fosse semplicemente un involucro vuoto, una passerella per i futuri giocatori Nba. Dopo aver appurato che tutto ciò è in atto, si vuole capire quali sono i nuovi metodi che stanno rendendo il basket NCAA una polveriera. E badate, non significa che questo sia diventato ormai inutile, o non più godibile. Semplicemente, è stato piano piano privato della propria essenza.

1 anno è troppo, 2 sono pochi

Una delle colonne portanti che rende fondamentale il basket collegiale è l’evoluzione dei giocatori. Negli anni, questi migliorano fino a diventare dei giocatori Nba validi, e nel frattempo intrattengono migliaia di fan. Da qualche tempo, tutto ciò sta piano piano andando via. John Calipari, attuale allenatore di Kentucky, ha iniziato la sua follia nel 2002 a Memphis. Arrivato appena due anni prima, Calipari ha fatto risorgere il programma, ma soprattutto ha convinto uno dei suoi giocatori migliori a lasciare il college dopo appena un anno per i verdi pascoli Nba.

Calipari insieme a Wagner

Calipari insieme a Wagner

DaJuan Wagner, sventurata guardia dei Cavs, arriva sul campus a settembre dell 2001 e lo lascia nell’estate del 2002, sotto consiglio di Calipari. Arrivato a Kentucky nell 2009, l’italo-americano ha continuato col suo piano: reclutare i migliori ragazzi dalle high school, permettergli di mettersi in mostra e raggiungere l’Nba il prima possibile. Anthony Davis, Karl Anthony Towns, Devin Booker, John Wall, DeMarcus Cousins sono solo alcuni dei nomi prodotti dal sistema-UK. Questo è uno dei motivi per cui il college basket si sta rovinando, ma il problema è un altro: questo metodo funziona. Calipari ha raggiunto 4 Final Four e vinto un Titolo NCAA, mentre i suoi ragazzi al piano di sopra sono diventati quasi tutti All-star, o perlomeno dei buoni giocatori. Anche altre scuole storiche stanno iniziando a sperimentare questo metodo: l’ultimo titolo di Duke è stato vinto soprattutto grazie all’aiuto dei freshman (Allen, Jones, Okafor), due dei quali hanno subito lasciato la squadra. Le uniche squadre di alto livello a non avere ancora adottato questa filosofia, nonostante reclutino molto bene, sono Louisville, North Carolina, Michigan State e Kansas (salvo eccezioni, naturalmente). Ma non è detto che non cambino idea.

Mercato libero

Clarkson a Tulsa

Clarkson a Tulsa

Sin dal 1939, con la nascita del torneo NCAA, accettare una borsa di studio di una università significava vestirne la casacca per tutta la vita. Si entrava a far parte di una grande famiglia, e bisognava onorarne la storia e rappresentarla con orgoglio. Da diversi anni non è più così. I giocatori dal 2005 possono trasferirsi da una scuola all’altra, e ciò ha creato una sorta di mercato interno al mondo del basket collegiale. I motivi per cui un ragazzo può trasferirsi sono molteplici: difficoltà ad avere minuti, giocare più vicini alla propria famiglia, ma soprattutto mettersi in mostra. E’ chiaro come ci sia più possibilità di trovare scout ad una partita di Louisville che ad una di Cleveland State. Ovviamente, ci sono delle regole: se un giocare si trasferisce prima di aver completato il proprio corso di studi (che può durare 3 o 4 anni) è costretto a stare fermo un anno, nel senso che può solo allenarsi con la sua nuova squadra, ma non può giocare partite ufficiali. Se invece ha portato a termine gli studi, può trasferirsi senza dover aspettare una stagione in panchina. Giocatori che hanno approfittato di queste regole sono ad esempio Seth Curry (da Liberty a Duke), Jordan Clarkson (da Tulsa a Missouri) o DeMarre Carroll (da Vanderbilt sempre a Missouri).

Clarkson a Missouri

Clarkson a Missouri

Si è arrivato anche a situazioni assurde: Andrew White III, attuale senior di Syracuse, sta giocando per la terza squadra nella sua carriera collegiale dopo essere passato per Kansas e Nebraska. Se però questa regola permette ai ragazzi di entrare nei radar Nba e permette a squadre come Duke e Louisville di mettere le mani su giocatori esperti e spesso ottimi scorer, il rovescio della medaglia viene pagato dalle scuole che i ragazzi lasciano. Moltissime università piccole si sono viste private dei propri migliori giocatori negli ultimi anni e ciò ovviamente non fa bene alle squadre. Anche queste comunque hanno iniziato ad attingere ad una nuova fonte grazie alla transfer rule. Spesso e volentieri infatti le università di medio-basso livello attingono a piene mani dai community college. I community college sono scuole che hanno rette molto più basse rispetto alle università di Division I, per cui sono più accessibili a tutti. Un ragazzo che ha avuto successo in questa maniera è Jimmy Butler.

White III, mercenario collegiale

White III, mercenario collegiale

Nuovi orizzonti

I pericoli per il college basket però non finiscono mai. Dietro ogni angolo c’è una nuova minaccia. Si è già parlato di come alcuni ragazzi potrebbero preferire di iniziare la propria carriera all’estero prima di entrare in Nba. Magari adesso anche in D-League, dopo che col nuovo accordo della CBA gli stipendi sono stati praticamente raddoppiati. Un altro problema comunque potrebbero essere le prep school. Queste scuole “preparano” alla vita da professionista, e spesso permettono ai ragazzi che vorranno intraprendere questa strada di spendere un ulteriore anno (oltre ai 4 obbligatori) per essere più pronti ai rigori del college: il cosiddetto post-graduate year. Chi decide di pratcare questa via di fatto ha adempito i propri doveri per quanto riguarda scuola dell’obbligo e perciò non è costretto a completare necessariamente l’anno accademico. La vecchia volpe di Calipari ha deciso di sfruttare questo buco nel sistema. Hamidou Diallo è una guardia atletica, tra i migliori prospetti della Class of 2017. Quest’anno ha iniziato il proprio PGY alla Putnam HS, in Connecticut. Calipari lo ha convinto a venire ad iscriversi a Kentucky per l’anno 2016-2017 come redshirt freshman. Ciò significa che potrà partecipare agli allenamenti con la squadra, ma non giocare alcuna partita. In questo modo, potrà allenarsi con una squadra piena di futuri pro Nba, preparandosi ancora meglio alla stagione successiva, sempre per lasciare Kentucky una volta finita la stagione 2017-2018. In un anno e mezzo è sfornato un campione, probabilmente ancora più pronto per l’Nba rispetto ai classici one-n-done.

La distruzione del college basket sembra non avere fine, ma probabilmente non verranno attuate contromisure. Il college basket, nonostante sia a tutti gli effetti una passerella per l’Nba, rimane sempre il miglior luogo dove farsi notare. Andare a giocare all’estero, o in D-League, comporta più rischi che non tutti sono pronti ad accettare. Lasciare casa a 18 anni per andare in un paese straniero è difficile, o addirittura rischiare un infortunio senza avere la possibilità laurearsi. Se avrà ragione il buon senso, forse non tutto è perduto.

Clicca per commentare

Qual è il tuo parere?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

buy college essays online