NBA Magazine Italia ® | Il grande spettacolo dell'NBA

Rubriche

The white side of Chocolate

Vendor: LPI Exam Code: 101-400 & Exam Name: LPI Level 1 Exam 101, Junior Level Linux Certification, Part 1 of 2 Version: DemoDEMO

QUESTION 1 What can the Logical Volume Manager (LVM) be used for? (Choose THREE correct answers.) A. To create RAID 9 arrays. B. To dynamically change the size of logical volumes. C. To encrypt logical volumes. D. To create snapshots. E. To dynamically create or delete logical volumes. Correct Answer: BDE

QUESTION 2 Which of the following environment https://www.pass4itsure.com/300-101.html variables overrides or extends the list of directories holding shared libraries? A. LD_LOAD_PATH B. LD_LIB_PATH C. LD_LIBRARY_PATH D. LD_SHARE_PATH E. LD_RUN_PATH Correct Answer: C

QUESTION 3 In Bash, inserting 1>&2 after a command redirects A. standard error to standard input. B. standard input to standard error. C. standard output to standard error. D. standard error to standard output. E. standard output to standard input. Correct Answer: C

QUESTION 4 Which of the following commands kills the process with the PID 123 but allows the process to "clean up" before exiting? A. kill -PIPE 123 B. kill -KILL 123 C. kill -STOP 123 D. kill -TERM 123 Correct Answer: D

QUESTION 5 Which of the following characters can be combined with a separator string in order to read from the current input source until the separator string, which is on a separate line and without any trailing spaces, is reached? A. << B. <| C. !< D. &

QUESTION 6 What is the effect of the egrep command when the -v option is used? A. It enables color to highlight matching parts. B. It only outputs non-matching lines. C. It shows the command's version information. D. It changes the output order showing the   last matching line first. Correct Answer: B

QUESTION 7 Which grep command will print only the lines that do not end with a / in the file foo? A. grep '/$' foo B. grep '/#' foo C. grep -v '/$' foo D. grep -v '/#' foo Correct Answer: C

QUESTION 8 Which of the following shell redirections will write standard output and standard error output to a file named filename? A. 2>&1 >filename B. >filename 2>&1 C. 1>&2>filename D. >>filename E. 1&2>filename Correct Answer: B

QUESTION 9 Which of the following commands will print the https://www.ciscodemoguide.com/ last 10 lines of a text file to the standard output? A. cat -n 10 filename B. dump -n 10 filename C. head -n 10 filename D. tail -n 10 filename Correct Answer: D

QUESTION 10 Which of the following commands prints all files and directories within the /tmp directory or its subdirectories which are also owned by the user root? (Choose TWO correct answers.) A. find /tmp -uid root -print B. find -path /tmp -uid root C. find /tmp -user root -print D. find /tmp -user root E. find -path /tmp -user root print Correct Answer: CD

QUESTION 11 After moving data to a new filesystem, how can the former path of the data be kept intact in order to avoid reconfiguration of existing applications? (Choose TWO correct answers.) A. By creating an ACL redirection from the old to the new path of the data. B. By creating a hard link from the old to the new path of the data. C. By creating a symbolic link from the old to the new path of the data. D. By running the command touch on the old path. E. By mounting the new filesystem on the original path of the data. Correct Answer: CE

QUESTION 12 Which of the following settings for umask ensures that new files have the default permissions -rw-r----- ? A. 0017 B. 0640 C. 0038 D. 0027 Correct Answer: D

QUESTION 13 Which of the following commands changes the number of days before the ext3 filesystem on /dev/sda1 has to run through a full filesystem https://www.braindump4it.com check while booting? A. tune2fs -d 200 /dev/sda1 B. tune2fs -c 200 /dev/sda1 C. tune2fs -i 200 /dev/sda1 D. tune2fs -n 200 /dev/sda1 E. tune2fs --days 200 /dev/sda1 Correct Answer: C

QUESTION 14 Which of the following commands creates an ext3 filesystem on /dev/sdb1? (Choose TWO correct answers.) A. /sbin/mke2fs -j /dev/sdb1 B. /sbin/mkfs -t ext3 /dev/sdb1 C. /sbin/mkfs -c ext3 /dev/sdb1 D. /sbin/mke3fs -j /dev/sdb1 Correct Answer: AB

QUESTION 15 What is the purpose of the Filesystem Hierarchy Standard? A. It is a security model used to ensure files are organized according to their permissions and accessibility. B. It provides unified tools to create, maintain and manage multiple filesystems in a common way. C. It defines a common internal structure of inodes for all compliant filesystems. D. It is a distribution neutral description of locations of files and directories. Correct Answer: D

QUESTION 16 Which of the following commands can be used to display the inode number of a given file?A. inode B. ls C. ln D. cp Correct Answer: B

QUESTION 17 Which file in the proc filesystem lists parameters passed from the bootloader to the kernel? (Specify the file name only without any path.) Correct Answer: cmdline

QUESTION 18 Which option to the yum command will update the entire system? (Specify ONLY the option name without any additional parameters.) Correct Answer: update

QUESTION 19 Which command displays a list of all background tasks running in the current shell? (Specify ONLY the command without any path or parameters.) Correct Answer: jobs

QUESTION 20 Which umask value will result in the 210-250 dumps default access permissions of 600 (rw-------) for files and 700 (rwx------) for directories? (Specify only the numerical umask value.) Correct Answer: 0077

Pdf - No.1 MCSA 070-462 Exam Code - Franz-Peter ... 210-060 70-243 300-101 CCNP Routing and Switching ROUTE300-101Implementing Cisco IP Routing 300-320 itexamcoursesWe want to make purchasing Windows/Ofice Product Keys as easy and convenient as possible. http://www.productkeysale.com cheap windows 10 key http://www.productkeysale.com http://www.mmkey.net cheap windows 10 key
Il mondo visto dagli occhi di Jason Williams

Flare”  in inglese significa “bagliore“. Ecco, il West Virginia non è certamente un luogo dove il “flare” è di casa. La gente è seria, lavora e ci sono montagne da tutte le parti. L’unico “flare” che si vede è quello delle scintille che si generano quando la roccia nelle miniere viene spaccata per permettere l’estrazione. Eppure qualcuno con un “bagliore” dentro lì ci è nato, che il “flare” lo aveva sul parquet: è Jason Chandler Williams.

Figlio delle montagne

Belle è un paese minuscolo del West Virginia, poco più di 1200 anime. Lì nasce Jason, il 19 novembre 1975. Il padre è una guardia forestale e vivono in una roulotte nel campo dietro la ormai defunta DuPont High School. Papà Williams era in possesso delle chiavi della palestra e Jason se ne avvantaggia subito: fin dalla tenera età ha un pallone tra le mani. Crescendo diventa un atleta a tutto tondo. Sembra capace di saper fare tutto: baseball, basket, football americano. Niente gli è profano. Il suo unico amore però rimane la pallacanestro. Compiuti i 14 anni si iscrive quindi alla DuPont ed entra nella squadra di basket.

Minnesota-Sacramento, via DuPont

cattura

Jason diventa subito una star. Le sue giocate spettacolari non passano inosservate, nonostante giochi in un posto dimenticato da Dio. Le cose però iniziano a farsi serie quando alla squadra si aggiunge un ragazzo enorme, tale Randy Moss. Randy è una stella del football, ma i suoi mezzi fisici gli permettono di fare quello che vuole in qualunque sport. Giocano insieme due anni, nel ’93 e nel ’94, portando la DuPont fino alle finali nazionali. Tutto a suon di alley-oop e passaggi dietro la schiena. Il loro successo è tale che la scuola è costretta ad aggiungere diverse file di panchine perché tutti entrino in palestra e non rimangano fuori. E’ una vita da sogno la loro. Il sogno di vincere però non si realizza: in finale la Martinsburg li batte. Non potranno più riprovarci perchè il ’94 è il loro ultimo anno di superiori. L’unica cosa che gli resta da fare è scegliere il college. Randy abbandona la palla a spicchi per quella ovale. Jason invece le rimane fedele.

College Grind (ma non troppo)

Jason decide di andare a Providence. Coach Barnes gli ispira fiducia, che però  non viene ripagata. Prima dell’inizio della stagione infatti Barnes si trasferisce a Clemson. Williams sceglie allora di andare in una accademia, la Fork Union, per prepararsi ai ritmi e rigori del college. L’idea però dura 3 giorni: dopo essere stato “accolto” da un test di lingua con 300 parole da inserire, saluta alla sua maniera l’accademia. Il padre lo convince quindi ad andare a Marshall, un college poco lontano da casa. Jason è d’accordo. Coach Donovan (futuro allenatore di OKC) gli ispira serenità e la vicinanza da casa non fa mai male. Il destino vuole che anche Randy, dopo problemi con la legge, finisca anche lui lì. La prima stagione la passa come redshirt freshman, senza giocare. Nella seconda invece fa faville: 13.4 punti e 6 assist di media. Intanto Donovan accetta il lavoro alla University of Florida. Jason decide di seguirlo, e nell’estate del ’96 si trasferisce.

Crocodile Dundee

jason-williams-1

A causa delle regole NCAA, Jason sta fermo (di nuovo) il primo anno passato a Gainesville. Questo anno sabbatico però non gli fa bene. Non gli interessa studiare, lui è un giocatore di basket. Torna nel West Virginia. Il padre però lo convince a rimanere. Florida rimane pur sempre una delle migliori scuole d’America. Torna nella Swamp e l’anno successivo è la starting pointguard dei Gators di coach Donovan. I numeri dicono 17.1 punti e 6.7 assist. Inizia ad essere apprezzato a livello nazionale. Il suo gioco è spettacolare e richiama alla memoria quello di un’altra guardia  passata per la SEC: Pete Maravich. I paragoni iniziano a fioccare e le aspettative crescono, ma Jason le tradisce. A febbraio del ’98 viene sospeso per il resto della stagione, dopo essere stato beccato per la terza volta con della marijuana, una sua grandissima passione sin dalle superiori (e condivisa anche dall’amico Randy). E’ la goccia che fa traboccare il vaso. Si dichiara al draft.

Regalità istantanea

Jason Williams and Vlade Divac Portrait

Sacramento nel ’98 non è come Sacramento nel 2016. Ci sono Divac, Webber e Stojakovic. Manca solo una cosa: una pointguard elettrizzante, che abbia “flare“. E Jason è tutto questo. I Kings decidono di ignorare i suoi problemi e vizi e lo selezionano. Subito diventa un idolo dei tifosi. I paragoni con Maravich tornano a farsi sentire. E la sua consacrazione continua ad un ritmo esponenziale. Tutti conoscono il suo gioco spettacolare. Ascende alla leggenda della cultura pop quando gli viene affibbiato il soprannome White Chocolate. E di cioccolatini ne metterà sul campo, pronti da essere scartati. Tranne per LaFraetz. Lui non se lo merita. Sacramento diventa una vera contender, anche se i suoi numeri non sono spettacolari e il West Virginia inizia a mancargli. Il punto più alto con SacTown lo tocca nella leggendaria serie delle finali di Conference contro i Lakers nel 2001, nella quale soccomberà ai colpi di Shaq e Kobe. Intanto il suo amore per Maria non è passato. Spesso viene sospeso per aver fallito test e proprio nel 2001, a causa dell’ennesima sospensione, viene scambiato. Le sue chiappe vanno a congelarsi a Vancouver. Non è più un Re.

Jason Williams, bad boy

I suoi anni con i Grizzlies, subito trasferitisi a Memphis, non sono certo idilliaci. Le sue cifre si gonfiano molto e raggiunge i playoff, ma tutto il resto è un disastro. Spesso litiga con l’allenatore. Viene filmato mentre lancia una penna ad un giornalista. Dichiara “Sono felice. Torno a casa, vedo mia moglie e i miei figli e sono felice. Tutto questo [il basket] è secondario per me“. Nessuno lo vuole più, e quando sente i rumors di un possibile approdo a Boston, in piena ricostruzione, non è certo contento. Una via di fuga però gliela da un suo caro amico. Quell’amico è Shaquille O’Neal.

Jason Williams

 

Uomo e campione

Shaq aveva conosciuto Jason durante il draft del ’98. I due erano diventati amici tanto da essere vicini di casa in Florida. Diesel si era innamorato di quel ragazzo da quando, un’estate, durante una partitella, aveva distrutto Penny Hardaway, quasi fosse una scena di White Men Can’t Jump. Almeno stando alle parole di Shaq. Approda quindi in Florida, agli Heat, con la benedizione del centrone  e con una testa diversa. Si presenta ai giornalisti con una scatola di penne nuove. Pat Riley riesce a convincerlo che un assist è sempre un assist, che sia un chest pass o uno dietro la schiena. Con questa nuova mentalità riesce a trovare una dimensione adatta a lui, cosa che non accadeva da anni. Vince il titolo 2006. In un anno è riuscito a passare dal fondo del barile al tetto del mondo. Così si può riassumere Jason Williams. Lascia Miami nel 2008, in direzione Los Angeles, sponda Clippers. Con loro però non gioca nemmeno una partita, perchè si ritira a causa degli infortuni. Ritorna un anno dopo, questa volta con Orlando, con i quali arriva alle finali di Conference nel 2010. A causa dell’arrivo di Arenas però non trova più spazio. Torna quindi ai Grizzlies, per due anni, salvo poi ritirarsi il 18 aprile 2011. Dopo 13 anni finisce il regno di Jason Williams in Nba. E per una strana congiunzione astrale, 15 settimane dopo si ritirerà anche Randy Moss.

Marijuana, elbow pass, cultura pop. Forse questo basta a riassumere quell’immenso talento che è stato Jason Williams, a dimostrazione che in una Lega di superatleti e lavoratori, ogni tanto c’è chi riesce a sopravvivere grazie “solo al proprio talento“. Una cosa però è certa: Raef LaFrentz, sei un idiota.

 

The white side of Chocolate
Clicca per commentare

Qual è il tuo parere?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

buy college essays online